Caretta Calabria Conservation in difesa delle tartarughe marine

0

Un'intervista al presidente dell'associazione Giovanni Parise

Tartaruga Caretta Calabria ContattoIl territorio calabrese è notoriamente ricco di paradisi naturalistici, di mare e di montagna, abitati da una straordinaria varietà di specie animali stanziali o di passaggio. Non tutti sanno però, che alcuni tratti delle nostre coste sono tra i preferiti dalle tartarughe marine per la deposizione delle uova.

L’Associazione Caretta Calabria Conservation da anni si prende cura di queste meravigliose creature. Per saperne di più, abbiamo chiesto al suo presidente, Giovanni Parise, di parlarci delle attività e dei progetti in campo.

Come è nata l’idea dell’Associazione?

L’associazione nasce nel 2012 dall’idea di 5 ragazzi e attuali soci fondatori, all’epoca laureati e laureandi presso l’Università della Calabria con cui collaboravano da diverso tempo per la ricerca e tutela dei nidi di tartaruga marina Caretta caretta in Calabria.

Dall’anno 2015 l’Associazione conduce in completa autonomia il monitoraggio e la tutela dei nidi di Caretta caretta deposti in Calabria. In particolare, si fa riferimento alla Costa dei Gelsomini, circa 40 km di costa nella provincia di Reggio Calabria. Questa è, infatti riconosciuta quale area principale di nidificazione per la specie in Italia.

Al fine di migliorare le azioni di tutela verso questa specie l’Associazione collabora attivamente con enti pubblici e privati aventi il medesimo obiettivo. Tra questi: l’Università della Tuscia, l’Associazione TartaMare Onlus, la Rete Ferroviaria Italiana, la Regione Calabria e le Amministrazioni comunali.

Grazie agli sforzi di esperti operatori e volontari provenienti da tutta Italia, l’associazione dal 2015 ad oggi ha messo in sicurezza 133 nidi tartaruga marina e assicurato al mare più di 6000 piccoli.

Quali sono le attività principali? Quali i contatti e le ricadute sul territorio?

Le attività principali dell’Associazione sono rivolte esclusivamente alla tutela di Caretta caretta e prevedono:

  1. Ricerca delle tracce di emersione e dei nidi deposti dalle femmine di Caretta caretta lungo la costa ionica della Calabria. Questa è effettuata tramite monitoraggio pedestre giornaliero degli arenili nella principale area di nidificazione della specie in Italia;
  2. Tutela e salvaguardia dei nidi rinvenuti dal momento della deposizione fino alla schiusa delle uova. Tale attività prevede il controllo giornaliero (diurno e notturno) dei nidi, in modo da garantire l’arrivo in mare del maggior numero possibile di piccoli di Caretta caretta.
  3. Divulgazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica, rivolta soprattutto a bambini e ragazzi, e organizzazione di campi di ricerca e formazione, per migliorare le conoscenze sui principali aspetti della biologia e dell’ecologia di Caretta caretta, con particolare riferimento alle tante problematiche di conservazione che minacciano la specie. A complemento di tale attività l’Associazione, dall’Ottobre 2016, gestisce il Museo del Mare – storia, tradizione e natura – sito nel Comune di Brancaleone, di cui ha curato l’allestimento.

Volontari Spiaggia Caretta Calabria Conservation Calabria ContattoRiteniamo che le nostre attività abbiano ricadute socio-economiche positive sull’intero territorio calabrese e in particolare nei comuni ionici in cui si concentrano prioritariamente le nostre attenzioni. Stagionalmente oltre a condurre le attività di tutela dei nidi, i numerosi volontari che partecipano ai nostri campi di formazione sono impegnati nella divulgazione e sensibilizzazione di turisti e residenti che affollano le spiagge in attesa della schiusa.

Le tematiche affrontate oltre a riguardare la biologia ed ecologia della specie sono incentrate  sulle principali minacce che l’affliggono le tartarughe marine sia in mare che sulla terraferma nei diversi stadi del ciclo vitale. Vengono illustrate le buone pratiche di gestione degli arenili per una corretta fruizione, scoraggiando comportamenti dannosi per l’intero ecosistema marino-costiero.

La tartaruga marina ha un forte valore attrattivo. La sua presenza potrebbe essere sfruttata positivamente per amplificare il valore naturalistico dell’area e garantire un turismo sempre più ecosostenibile.

Dove vi trovate?

L’Associazione ha sede legale a Cosenza e sedi operative a Brancaleone presso Il Museo del Mare e Palizzi, in località Capo Spartivento, presso gli ex alloggi ferroviari.

Raccontateci in breve l’esperienza dei campi.

I nostri campi di ricerca e formazione rappresentano un modo originale per trascorrere una vacanza estiva all’insegna della natura e del mare. Le attività principali riguardano: la ricerca delle tracce di emersione delle femmine; il monitoraggio e la sorveglianza dei nidi fino all’emersione dei piccoli; la sensibilizzazione e divulgazione. I partecipanti vivono a stretto contatto con gli operatori esperti dell’Associazione partecipando attivamente a tutte le attività svolte. Oltre alla formazione sul campo i volontari partecipano a lezioni sull’ecologia e la biologia di C. caretta con la possibilità nel tempo libero di fare snorkeling o escursioni guidate nel vicino Parco d’Aspromonte.

Dal 2015 ad oggi abbiamo ospitato circa 300 volontari provenienti da tutta Italia. Si tratta principalmente di studenti ma anche di appassionati e famiglie che hanno voglia di fare una vacanza diversa.

I volontari trascorrono in genere una settimana o più con noi e alla fine del percorso ci si ritrova come una grande famiglia. I nostri campi oltre ad essere un momento altamente formativo sono sicuramente un momento di crescita personale, si impara a condividere la quotidianità, ci si aiuta sul campo e non sono rari i casi di persone che ritornano ormai quasi ogni anno a testimonianza del valore e positività dell’esperienza che forniamo.

Cos’è il Summer Sea Turtle Sustainability Grant?

Si tratta di un contributo di 5000$ a sostegno di progetti di ricerca e conservazione attivi a livello globale per la protezione dei nidi di tartaruga marina erogato da Turtle Island Restoration Network.

Si accede presentando un piccolo progetto e il premio viene assegnato all’associazione/ente che riceve più voti.

Perché è importante la vostra partecipazione? Quale progetto vorreste finanziare?

La nostra partecipazione risulta importante poiché tutte le nostre attività dipendono principalmente da contributi privati erogati da enti benefici come in questo caso. È grazie all’aggiudicazione di questi piccoli premi che riusciamo a comprare le attrezzature che ci permettono in mettere in campo azioni mirate a contrastare i pericoli a cui sono sottoposti i nidi durante la stagione riproduttiva.

In caso di vittoria del Summer sea Turtle Sustainability Grant, il contributo verrà utilizzato per costruire particolari apparati che permetteranno di schermare le luci dei lampioni retrodunali lungo uno dei tratti più frequentati dalle tartarughe marine in Calabria. Questo intervento è mirato a contrastare l’elevata mortalità dei piccoli alla schiusa causata dal disorientamento.

È noto infatti che i piccoli appena emersi, sono guidati primo su tutti da uno stimolo luminoso che in situazioni naturali è rappresentato dal bagliore del mare. In molti casi, così come accade lungo le nostre coste, la luce naturale viene contrastata dalla presenza di illuminazione artificiale posta in prossimità di un lungomare e/o di uno stabilimento balneare che costringono i piccoli nella direzione sbagliata e verso una morte certa.

La “competizione” si conclude il primo giugno quindi si potrà votare fino a quella data. Per votare bisogna cliccare sul seguente link, compilare i campi contrassegnati da asterisco, scegliere Caretta Calabria Conservation tra le associazioni elencate.

Vota QUI

Come è possibile sostenervi?

La nostra associazione svolge le proprie attività principalmente grazie a donazioni private e ai volontari che con il loro contributo ci permettono di autofinanziarci. Lo scorso anno per la prima volta siamo stati beneficiari di un contributo pubblico erogato dalla Regione Calabria.

È possibile sostenerci tramite donazioni private, partecipando ai nostri campi di formazione e volontariato, venendo a visitare il Museo del Mare di Brancaleone. Infine, tramite il 5X1000 da devolvere in nostro favore.


I contatti dell’Associazione Caretta Calabria Conservation

Sede Legale di Caretta Calabria Conservation:
Via G. Gronchi, 6 – 87100 Cosenza

Sede Operativa:
Staz.Ferroviaria di Capo Spartivento
Via Nazionale – 89038 Palizzi (RC)

Telefono: +39 327 047 6383
Email: [email protected]

Condividi.

Autore

I commenti sono chiusi.

X