“CATANZARU E NA VOTA”:il viaggio di Culturattiva

0

L'associazione "Culturattiva" celebra le lingue locali

L'idioma catanzarese come viatico di conoscenza tra parole e luoghi

Celebrare l’idioma

Il 17 gennaio , si è celebrata la Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue locali, che
è stata istituita nel 2013 dall’UNPLI – Unione nazionale delle Pro Loco con l’obiettivo di
sensibilizzare sia le istituzioni che le comunità locali sulla necessità di valorizzare e tutelare gli
idiomi locali, considerati patrimonio culturale.
Ispirandosi a tale obiettivo, l’associazione CulturAttiva ha promosso nella mattinata di domenica
scorsa l’iniziativa “Catanzaru e na vota”, una visita guidata molto particolare il cui itinerario era
composto da alcuni dei luoghi più iconici nel contesto del linguaggio popolare, luoghi spesso
conosciuti con una denominazione dialettale, piuttosto che con quella attribuita loro dalla
toponomastica ufficiale.

Il contributo di Culturattiva

Vicoli Catanzaru E Na Vota CulturAttiva Dialetto Calabria ContattoL’iniziativa, molto apprezzata dai partecipanti e collegata alla campagna di tesseramento 2024, ha avuto inizio dall’ingresso di Villa Margherita ed è proseguita conducendo il gruppo nell’area considerata l’antico nucleo della primitiva città bizantina: il quartiere Grecìa. Il “viaggio” alla riscoperta della Catanzaro di un tempo ha avuto come tappe anche il quartiere Maddalena, con la sua Discesa Filanda; il quartiere Stella; il Pianicello dove, tra l’altro, è ubicata la casa natale di Nino Gemelli, regista, attore e drammaturgo, che ha scelto di esprimersi proprio nella lingua della sua città ed ha profuso un grande impegno per la valorizzazione e tutela del dialetto. Anche il larghetto oggi denominato Piazza la Russa e conosciuto con l’appellativo di “Coculi” ha arricchito l’itinerario proposto insieme a via De Grazia e al quartiere Case Arse.

Uno dei fattori che ha fatto da stimolo all’iniziativa è sicuramente l’importanza di raccontare e far conoscere i luoghi meno frequentati della città di Catanzaro, riscoprendone le origini, l’importanza storica e l’anima popolare che donava vitalità e fascino agli antichi quartieri.

Era proprio in queste zone che il dialetto di Catanzaro riecheggiava nei decenni passati, in un clima
di socialità ormai perduto e durante la visita guidata sono state fornite diverse informazioni sulle
origini e le caratteristiche di questo idioma popolare e sulle principali influenze da parte delle
lingue parlate dai popoli che hanno maggiormente inciso sulla storia e la cultura del territorio.
Il dialetto catanzarese è un idioma italo-romanzo e deriva dal latino, ma è stato fortemente
influenzato dal greco che ha rappresentato la principale influenza esterna soprattutto a causa
della millenaria presenza dei greci in Calabria, prima attraverso il greco antico e, posteriormente,
tramite il greco bizantino, i quali sono coesistiti per lungo tempo sul territorio accanto al latino.
L’influenza del greco si può riscontrare a livello lessicale, dal punto di vista fonetico (esempio: la
pronuncia aspirata della lettera “f” accompagnata dalle vocali) e anche in alcune strutture verbali
come quella con il "ma": vogghiu ma mangiu (voglio mangiare).

A suggellare il tour sono stati i versi pieni di nostalgia di “A ruga mia”, poesia del poeta dialettale
Franco Mustari che descrivono appieno le atmosfere che animavano un tempo il rione Case Arse,
conosciuto anche come “u Zingareddhru” (lo Zingarello). I versi sono riportati su un pannello posto
all’entrata del rione e realizzato a cura della Pro Loco cittadina.


Calabria Contatto è un’Associazione no-profit. Ogni giorno selezioniamo le migliori news e le proponiamo ai nostri lettori in forma totalmente gratuita. Le nostre pagine sono una vetrina a disposizione di chiunque voglia promuovere la cultura, la storia, le tradizioni e le eccellenze di questa splendida ma sottovalutata regione. È un lavoro quotidiano che svolgiamo con passione e dedizione da diversi anni. Se pensi che tutto questo sia utile, se credi che la Calabria abbia bisogno di esser valorizzata, riconosciuta ed apprezzata, aiutaci sostenendo il nostro progetto. Un piccolo contributo manterrà gratuito il nostro sito web e darà voce alla Calabria.

Condividi.

Autore

I commenti sono chiusi.