Riapre il Museo archeologico della Sibaritide

0

Accogliere di nuovo i visitatori è come tornare a vivere.

Calabria Contatto è un’Associazione no-profit. Ogni giorno selezioniamo le migliori news e le proponiamo ai nostri lettori in forma totalmente gratuita. Le nostre pagine sono una vetrina a disposizione di chiunque voglia promuovere la cultura, la storia, le tradizioni e le eccellenze di questa splendida ma sottovalutata regione. È un lavoro quotidiano che svolgiamo con passione e dedizione da diversi anni. Se pensi che tutto questo sia utile, se credi che la Calabria abbia bisogno di esser valorizzata, riconosciuta ed apprezzata, aiutaci sostenendo il nostro progetto. Un piccolo contributo manterrà gratuito il nostro sito web e darà voce alla Calabria.


Non è eccessivo definire una rinascita la riapertura del Museo archeologico della Sibaritide, che il 19 maggio ha ospitato i primi sessanta ragazzi del liceo scientifico Fortunato Bruno di Corigliano Rossano.

“Vederli varcare la porta del museo, finalmente aperta, e accoglierli è stata una grossa emozione”, commenta Filippo Demma, direttore del Parco archeologico di Sibari; Istituto che recentemente il ministro Franceschini ha dotato di autonomia speciale e che comprende due aree archeologiche: il Museo della Sibaritide e il Museo archeologico di Amendolara, sulla costa jonica cosentina. Il pubblico può ora tornare a visitarli.

Nei musei di Sibari e Amendolara, che ospitano reperti provenienti dalla Sibaritide e dalla zona settentrionale della provincia di Cosenza, è in corso un restyling delle esposizioni che farà parte dell’esperienza della visita. L’obiettivo è quello di coinvolgere il pubblico nelle operazioni di riallestimento, attraverso spazi dedicati ad accogliere le impressioni ed i suggerimenti dei visitatori. Su alcuni manifesti bianchi, sistemati nelle sale dei musei, e presto anche su una pagina Facebook.

Quello che i visitatori troveranno nelle sale dei musei sarà un allestimento temporaneo, un work in progress che recupera l’allestimento precedente redistribuendolo in maniera più coerente. I reperti saranno sistemati nelle sale per provenienza geografica e cronologia (dalla protostoria al medioevo) e nelle vetrine per tema o contesto. Ogni sala sarà dotata di un paio di pannelli didattici, con poco testo e linguaggio semplice, che spiegheranno ai visitatori la provenienza dei reperti, con brevissime notazioni storiche, e la futura collocazione nel nuovo allestimento, dove saranno disposti in modo da raccontare delle vere e proprie storie.

Sulle vetrine saranno descritte l’origine e le didascalie dei singoli reperti con pennarelli di vari colori, per dare il senso della provvisorietà.

Ecco gli orari e le tariffe per effettuare le visite

Museo nazionale archeologico della Sibaritide: dal martedì alla domenica 9:00 – 19:30 (la biglietteria chiude alle 19:00).
Area archeologica del Parco del Cavallo: dal martedì alla domenica 9:00 – un’ora prima del tramonto.
Area archeologica della Casa Bianca: chiusa.
Museo archeologico nazionale di Amendolara: martedì, mercoledì e venerdì 9:00 – 19:30 (la biglietteria chiude alle 19:00).

Ingresso al Museo della Sibaritide e alle aree archeologiche:
intero 5 euro
18-25 anni: 2 euro
meno di 18 anni: gratuito.

Ingresso al Museo archeologico nazionale di Amendolara: gratuito

Per il rispetto delle norme anti Covid, gli ingressi saranno cadenzati per l’accesso di 10 persone ogni 15 minuti, fatti salvi i nuclei familiari conviventi.

Si consiglia ai gruppi di più di 5 persone, fatti salvi i nuclei familiari conviventi, di prenotare le visite all’indirizzo mail [email protected].
La prenotazione è invece obbligatoria per gruppi organizzati e scolaresche.

Per maggiori informazioni rivolgersi ai numeri 0981 79391 e 098179392 o scrivere una mail all’indirizzo [email protected].

Articoli Correlati

Restituzione di 66 reperti al Museo della Sibaritide

Condividi.

Autore

I commenti sono chiusi.

X