La sorte delle sirene – Concorso Calabria in Versi 2020

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Concorso Letterario 2020

 
 
 
 

La melodia delle sirene non ci giunse
da un mare di avventurieri e di poeti:
né proni né forti alle lusinghe,
ma in disparte,
guardinghi
su malfidi acquitrini,
più attenti agli urli del vento
e  dei lupi, tra i boschi
inviolati, o alle ossa
dei campi,
sulle alture brulle.

Né troppo ci intenerì la loro sorte,
misera, poi che tradite
dal loro stesso incanto, dalla deriva furono sospinte
alle foci dei fiumi,
presso città future.

Da pietosi sedimenti ricomposta
la pronuba di fanciulle dalle chiome intrecciate:
poi quanta malasorte,
e gli sfracelli, che arrisero all’oblio!

Ma ora, orfani di miti,
è lì che cerchiamo la nostra anima,
in quei gorghi.

Opera in finale
VOTO CHIUSO
Pagina Facebook del Concorso

Condividi.

Autore

I commenti sono chiusi.

X